Il 17 dicembre 2017 il Ministero della Giustizia Britannico ha indetta una consultazione sulle procedure di recupero crediti basate sulla contumacia del debitore. La consultazione aperta a tutte le parti interessate e probabilmente, risultera` in una riforma delle procedure di recupero crediti.

Secondo il codice di procedura civile inglese (Civil Procedure Rules) la Citazione o Domanda Giudiziaria (Claim) per il pagamento di una somma determinata puo` essere notificata o direttamente dal creditore, oppure, come e` piu` frequente, dal Tribunale (di solito: la County Court – corte di prima istanza civile). Quando la citazione e` notificata dalla corte, la notifica avviene con spedizione postale (posta prima classe) all` ultimo indirizzo conosciuto del debitore o nel caso di societa` alla sede principale oppure, qualsiasi altra sede ove si svolga la sua attivitia` (business). Non sono richieste raccomandate, ne` ufficiali giudiziari.

La procedura (Part 6 – Service of documents) prevede espressamente che quando l` attore / creditore ha motivo di ritenere che il debitore abbia cambiato indirizzo, deve effettuare ricerche per trovare l`indirizzo corrente del debitore da utilizzare per la notifica degli atti giudiziari (… take reasonable steps to ascertain the Defendant`s address..) oppure, nel caso di notifiche a persone di residenza, dimora o domicilio sconosciuti, chiedere forme di notifica alternativa (Alternative service).

Per di piu` nella Citazione (Statement of claim) il creditore deve firmare una dichiarazione di verita` (Statement of truth), con cui certifica che le

Alta Corte di Giustizia, Londra

Alta Corte di Giustizia, Londra

affermazioni contenute nella Citazione (incluso ovviamente anche l` indirizzo dove effettuare la notifica) sono veritiere. Nel caso di conclamate violazioni, si rischiano multe ed anche l` arresto (Contempt of Court). Nonostante tutte queste cautele, spesso ci sono errori, piu` o meno voluti, nelle notifiche di creditori disinvolti.

Secondo la procedura, entro 14 giorni dalla notifica, il convenuto (Defendant) deve depositare una dichiarazione che intende difendere la causa (Acknowledgement of Service), ed entro 28 giorni  deve depositare la comparsa di risposta (Defence).

La procedura inglese prevede (Part 12) che il creditore potra` chiedere l` emissione di sentenza di condanna in contumacia (Default Judgment) al

pagamento del debito con interessi (oltre alle spese), se il debitore non provvede nei termini suddetti, o perche` non ha depositato l` Acknowledgment of Service oppure perche` non risulta depositata la comparsa di risposta (Defence).

La sentenza di condanna in contumacia (Default Judgment) e` una vera e propria sentenza, viene automaticamente depositata in un pubblico registro (il “Register of Fines, Orders and Judgments”) aperto al pubblico e li rimane per 6 anni, se la sentenza non e` eseguita / il pagamento effettuato entro 28 giorni dall` emissione della sentenza.

Dato che questo registro (Register of Fines, Orders and Judgments) e` consultato da banche ed istituti finanziari per decidere se erogare o meno credito, la pubblicazione di una sentenza in contumacia ha gravissimi effetti sulla credibilita` finanziaria del debitore, rendendogli molto piu` difficile l` accesso al credito.

Il Default Judgment e`piuttosto  frequente in azioni per il recupero crediti inglesi. Abbrevia il giudizio e riduce i costi del recupero del credito, quando il debitore e` contumace, ma si deve vedere il perche` della contumacia.

Secondo le statistiche pubblicate dal Ministero della Giustizia Britannico, nel solo anno 2016 /17 sono state emesse ben 1.138.124 sentenze civili nelle County Courts, Corti inglesi di prima istanza, e di queste, ben l` 85% – cioe` 972.986, erano sentenze di condanna al pagamento di debiti in contumacia (Default Judgment).

Secondo il Ministero della Giustizia inglese, ci possono essere diversi motivi per la contumacia del debitore:

  • Il debitore non sa` cosa fare
  • Sa che il credito e` dovuto, e lascia che le cose seguano il loro corso
  • Non capisce bene le informazioni ricevute, perche` ha problemi a leggere o scrivere oppure di lingua
  • Puo` pensare che se non risponde non ci saranno conseguenze
  • Puo` pensare che nulla e` dovuto e non risponde
  • Non ha informazioni sufficienti
  • OPPURE: Cosa piu` grave, puo` semplicemente non essere al corrente della citazione, se questa e` stata notificata ad un vecchio indirizzo, non piu` usato dal convenuto, o peggio ad un indirizzo sbagliato.

Dato che inevitabilmente, la mancata difesa risulta in una sentenza di condanna, la mancata corretta notifica / l` ignoranza della citazione ha sempre gravi conseguenze. La sentenza viene depositata al “Register of Fines, Orders and Judgments” (Pubblico registro delle sentenze e multe) dopo 28 giorni senza che sia intervenuto il pagamento, dove rimane per i sei anni successivi.

Questo pubblico registro e` spesso usato da banche ed altri istituzioni finanziarie, per decidere se erogare o meno credito, con la conseguenza che la sentenza, ottenuta per incuria ed in contumacia puo` avere effetti drastici sulla situazione finanziaria dell` ignaro convenuto.

La situazione e` aggravata dal fatto che la mancata corretta notifica del Claim (citazione) non e` di per se` una difesa, sufficiente ad impugnare la sentenza, che nel frattempo e` stata pubblicata.

Le proposte di riforma includono maggiori cautele nell` emissione di sentenze in contumacia, e nel rendere disponibili maggiori informazioni al pubblico, specialmente la parte piu` vulnerabile dei consumatori.

Viene ipotizzata la possibilita` di organizzare una forma di notifica ufficiale di cambiamenti d` indirizzi, e facilitazioni nella consultazione dei propri dati personali detenuti da agenzie di referenze / pubblici registri.

Si prevede anche la possibilita` di far rimuovere sentenze di condanna dal Pubblico Registro ove:

  • La Corte determini che il debitore era ignaro della sentenza alla data della sua emissione / pubblicazione
  • La Corte accerti che il convenuto e` appena venuto al corrente della sentenza
  • Il pagamento e` stato effettuato senza ritardi, dopo l` avvenuta conoscenza della sentenza.

In tutti gli altri casi, sara` invece necessario impugnare la sentenza (Application to Set aside) ove chiaramente ne sussistano le ragioni. Dalle statistiche risulta che nel 2016 / 2017 ci sono stati ben 44.326 appelli, che sono risultati nella riforma (Set aside) di ben 33.671 sentenze di Conty Court.

La consultazione si chiudera`il prossimo 21 febbraio 2018.

Dr Claudio Del Giudice Solicitor, 07.02.2018 Copyrights reserved