1) Receivership – si tratta di una forma arcaica di liquidazione parziale su impulso di un creditore privilegiato che si e` preventivamente tutelato con una particolare garanzia scritta preventivamente concessa dalla societa` debitrice (Debenture) o per legge.
Ha origini nella Common law e, ai sensi di una recente legge (Enterprise Act 2002) e` destinata a sparire.
Il funzionamento e` molto semplice: nel caso di mancato, tempestivo pagamento del debito il creditore che si e` premunito con un particolare privilegio scritto (Debenture) puo` nominare un suo curatore (Receiver) alla societa` debitrice, che operando come agente della stessa scavalca gli amministratori, ed opera con il solo scopo di acquisire i beni della societa` e di venderli per produrre le liquidita` necessarie a saldare quanto dovuto.
Spesso (ma non sempre) la societa` non sopravvive finanziariamente agli effetti di una Receivership che la priva di beni e macchinari in una fase di crisi piu` o meno apparente ed e` spesso, ma non necessariamente seguita dal fallimento della societa` stessa.
La Receivership non ha effetti sui contratti stipulati dalla societa` con i terzi.

2) Administration – Si tratta di una procedura che, secondo lo schema introdotto dall` Enterprise Act 2002 e` destinata a sostituire la Receivership, ed ha principalmente il fine di salvare societa` in crisi ma non ancora fallite.
Su istanza di una interessata i tribunali, oppure separatamente un creditore privilegiato (Qualifying charge) o anche la societa` stessa, nominano un Administrator, cioe` un gestore esterno professionista specializzato, al fine di amministrare la societa` secondo un programma ben definito (Administrator`s proposal) per un termine prefissato con i seguenti obiettivi, nell` ordine di priorita`: salvare la societa` in crisi e prevenire il fallimento, oppure vendere la societa` come un complesso funzionante e quindi a condizioni piu` favorevoli per i creditori, oppure vendere parte o tutto l` attivo per pagare i creditori privilegiati. Normalmente entro 8 settimane dalla nomina l` Administrator predispone una proposta per la riabilitazione della societa` (Statement of proposals) e convoca un adunanza dei creditori che puo` approvare il prospetto o anche chiedere modifiche.
L` eventuale approvazione e` poi comunicata al tribunale ed alla Camera di Commercio.
In questa occasione puo` anche essere formato un comitato dei creditori (Creditors` committee).
Gli effetti immediati caratteristici dell` Administration sono di prevenire eventuali istanze di fallimento (Winding-up Petitions) e di bloccare qualsiasi azione esecutiva / espropriativa (di carattere contenzioso o meno) (Moratorium on actions), al fine di consentire all` Administrator di operare secondo il programma convenuto con i creditori e quindi se possibile, di salvare la societa`.
Normalmente la procedura di Administration non ha effetti sui contratti pendenti ed in corso di esecuzione con la societa` in oggetto .
La procedura dell` Administration termina su istanza dell` Administrator che ha raggiunto o ritiene di non poter piu` raggiungere gli obiettivi prefissati oppure entro un anno dalla nomina, salvo espresso rinnovo.
Se gli obiettivi proposti non sono effettivamente raggiunti, puo` essere seguita dal fallimento della societa`.

3) Company`s Voluntary Arrangement (CVA) – Si tratta di un accordo con i creditori, formalmente sanzionato.
La societa` in crisi o concorda un pagamento ridotto (normalmente una percentuale espressa in un certo numero di Pence per Sterlina di debito – (Composition of debt), oppure ottiene ulteriore tempo o altre particolari condizioni per pagare integralmente i suoi debiti (Scheme of arrangement).
Questa procedura presuppone che le condizioni offerte ai creditori siano migliori di quanto sarebbe altrimenti realizzabile se la societa` dovesse fallire.
La procedura e` iniziata dagli amministratori che, per evitare il dissesto predispongono una proposta di composizione (Proposal) e contattano un professionista esterno specializzato (Nominee) che si fara` portatore di questa proposta verso il Tribunale ed i terzi.
Se la proposta di composizione appare sufficientemente seria, il Nominee la deposita in tribunale e convoca l` adunanza dei soci e dei creditori, inviando loro sia una copia della Proposal che un prospetto dello stato patrimoniale. Contestualmente a tale deposito, si ha normalmente il blocco di eventuali procedure esecutive individuali (Moratorium) per almeno 28 giorni, per consentire di esaminare serenamente la proposta.
Se all` adunanza la Proposal riceve l` approvazione di almeno 3/4 (in valore) dei creditori, il Company`s Voluntary Arrangement diventa vincolante per tutti i creditori chirografari. Gli amministratori continuano a gestire la societa` nel rispetto dei criteri dettati dalla Proposal, e sotto il controllo del Supervisor. La procedura termina o con la riabilitazione della societa`, oppure con l`insolvenza / fallimento della stessa, se mancano i mezzi oppure la societa` non si attiene alla Proposal.